Viaggiare in Italia: malattie e prevenzione | Cane In Viaggio

Viaggiare in Italia a 4 zampe: malattie e prevenzione

Consigli per viaggiare con il cane
cane che si gratta la testa
Giu
28

Leishmaniosi e filariosi: prevenzione e zone a rischio. Cosa fare prima di partire?

Abbiamo deciso di intraprendere un viaggio in Italia con il nostro amico Fido o Micio? Benissimo! Ma prima di fare le valige, prendiamo le giuste precauzioni contro due malattie ad oggi molto diffuse e che mettono in grave pericolo la salute del nostro compagno di avventure.

Purtroppo in Italia sono ancora molto attivi alcuni parassiti e insetti in grado di trasmettere malattie anche mortali per l’animale. Questo è il caso della filariosi cardiopolmonare e della leihsmaniosi.
La prima è una malattia parassitaria trasmessa dalla Dirofilaria immitis, la cui larva viene veicolata dalle zanzare. Colpisce cani e gatti, ma non è trasmissibile all’uomo. In Italia esistono diverse aree endemiche, identificate soprattutto nelle regioni del nord e nelle zone umide e pianeggianti. Le zone più a rischio sono quindi il nord Italia, ma anche le regioni centrali (Toscana, Umbria, Marche, Lazio) e la Sardegna. La malattia sta diffondendosi anche in altre regioni.

Per la prevenzione è fondamentale la profilassi, che consiste nella somministrazione mensile di farmaci, naturalmente sotto consiglio del proprio veterinario. Generalmente questi farmaci si somministrano ogni 30 giorni e, poiché hanno un effetto retroattivo, è bene fare particolare attenzione alla somministrazione: deve essere sempre nello stesso giorno. Sarebbe opportuno cominciare la profilassi a partire da fine marzo, fino ad arrivare a fine ottobre. E’ questo infatti il periodo in cui agiscono maggiormente le zanzare.

Un’altra malattia molto pericolosa per i nostri amici a 4 zampe è la leihsmaniosi canina. Anche questa è una malattia trasmessa da un parassita, un protozoo flagellato; viene veicolato da insetti ematofagi come il pappatacio, una sorta di piccola zanzara. Una volta le zone particolarmente a rischio per questa malattia erano le regioni del centro-sud Italia, isole incluse. Le regioni endemiche erano la Sardegna, la Sicilia, Argentario e Isole d’Elba. Oggi però, purtroppo, anche questa malattia ha fatto registrare nuovi focolai praticamente in tutta Italia, perfino in regioni non endemiche come Veneto e Piemonte. Resta comunque meno a rischio tutto il settentrione della penisola.

In questo caso, la prevenzione si pratica con un vaccino da somministrare a partire dai 6 mesi d’età dell’animale, con un ciclo di tre inoculazioni. Il richiamo deve essere ripetuto annualmente.
Altre misure preventive consistono nell’applicazione locale di repellenti e nella limitazione delle passeggiate serali e notturne; sarebbe bene evitare anche che il cane dorma all’aperto.

La salute è la cosa più importante; seguiamo questi piccoli grandi passi per assicurarci una vacanza sana e indimenticabile!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prenota l’App Cane in viaggio

Ti contatteremo non appena sarà disponibile


Dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy
Iscriviti alla nostra newsletter, resta sempre aggiornato sulle novità di Cane in Viaggio